AEROSOL : COME E QUANDO USARLO

Ciao a tutte, 
con l'arrivo del periodo invernale e il presentarsi dei diversi malanni di stagione, oggi sempre più, si ricorre all'uso dell'aerosol. In passato, è capitato spesso di  utilizzarlo per mio figlio ma sempre dietro consiglio  del mio pediatra.  Se usato senza che ci sia una reale necessità può avere effetti indesiderati o addirittura dannosi.

Aerosol come e quando usarlo ( Infezioni e Raffreddore ) bambinimamme.blogspot.it
Ho letto svariate interviste al direttore del reparto di Broncopneumologia dellOspedale Babino Gesù di Roma, il quale afferma che la maggior parte delle infezioni delle vie respiratorie di origine virale, si risolve da sola nel giro di alcuni giorni, senza quindi l'ausilio di aerosolterapia, se non prescritta dal proprio pediatra.


In assenza di complicanze, l'influenza va curata solo con farmaci antipiretici, quando la febbre raggiunge i 38,5°, che agiscono  in maniera molto blanda anche sul dolore. In caso di febbre è importante la somministrazione di liquidi per evitare la disidratazione.

Per alleviare i disturbi respiratori del bambino, i medici consigliano di effettuare dei lavaggi con soluzione fisiologica o ipertonica e mantenere l'ambiente in cui soggiorna, con un opportuno tasso di umidità, intorno al 50%, magari con l'ausilio di umidificatori.
Vi assicuro che funziona!
No al fai da te, che andrebbe assolutamente evitato, così come l'utilizzo inopportuno di farmaci senza la prescrizione  del pediatra. Ricordate che con i farmaci non si scherza. Come spiega il direttore, l'aerosol deve essere utilizzato seguendo scrupolosamente le indicazioni del pediatra, soprattutto per quel che riguarda dosi, farmaci da impiegare e durata del trattamento.
Evitate di usare l'aerosol in caso di recidiva, se nostro figlio presenta nuovamente a distanza di settimane o pochi mesi gli stessi sintomi è sempre opportuno consultare il medico, potrebbe suggerirvi ulteriori accertamenti.
Aerosol come e quando usarlo ( Infezioni e Raffreddore ) bambinimamme.blogspot.it

Laica NE2003 Aerosol a Pistone

Da uno studio effettuato dall'Istituto Mario Negri di Milano su bambini affetti da infezioni alle vie aeree superiori, è emerso che bambini trattatati con aerosolterapia con l'impiego di cortisonici, sono guariti nello stesso tempo di bambini trattatati con aerosolterapia con soluzione fisiologica. Questo dimostra che per la cura del raffreddore, l'utilizzo di cortisonici è inutile in mancanza di complicanze.
Naturalmente, l'aerosolterapia è sicuramente uno dei metodi più indicati nei casi di broncospasmo, bronchiolite, laringiti e asma.
Dati i tempi di somministrazione abbastanza lunghi, il problema che ci si presenta è convincere i nostri piccoli a fare l'aerosol. Certo non è semplice, soprattutto quando sono molto piccoli o irrequieti ma dobbiamo trovare il giusto sistema per distrarli. Ognuno conoscere il proprio figlio, quindi i suoi "punti deboli".
Nel mio caso,  l'utilizzo di   fiabe, mattoncini della Lego, e come ultima alternativa i cartoni animati hanno ottenuto l'effetto sperato. Non dimenticate di  riempire il bimbo di coccole, carezze e canzoncine, lo rilassano e lo aiutano a tollerare la terapia.
Infine, molti studi hanno dimostrato che va evitata la somministrazione dell'aerosol mentre il bambino dorme, in quanto durante il sonno la respirazione è soprattutto nasale (e non con la bocca aperta come invece andrebbe eseguito l'aerosolterapia) ed è superficiale, quindi non permette al farmaco di raggiungere le basse vie respiratorie.
Per chi volesse approfondire trovate l'articolo cliccando qui a pagina 66.
Un bacione a tutte
Fonte : Io e il mio bambino
Fonte: Coriere.it